Offerte

Buchen

Come arrivare

Richiesta

Servicebar rechts Button Anfrage Richiesta

No Offer yet

trend media

Protezione e conservazione delle razze di animali
da allevamento in via di estinzione
il nostro impegno come maso ARCA

Il paesaggio alpino dell’Alto Adige è ricco di rare piante spontanee che vanno protette. E gli animali selvatici, che altrove si trovano solo negli zoo, qui da noi possono ancora essere osservati nel loro habitat naturale. Ma anche molte razze di animali da allevamento e domestici, sotto la pressione dell’economia, delle infrastrutture odierne e delle moderne forme di insediamento, sono presenti solo in quantità residue o si sono estinte. Con loro scompare non solo la preziosa eredità genetica che per molti secoli è stata parte naturale della nostra regione, bensì anche una testimonianza vivente della nostra identità culturale. Per questo motivo, in veste di uno dei numerosi masi ARCA altoatesini, contribuiamo attivamente a far sì che le conoscenze sulle razze di animali da allevamento in via di estinzione non vadano perdute – e che queste vengano conservate con una quantità in grado di sopravvivere.

Saremmo molto lieti di attirare la vostra attenzione su questo importante argomento!

9
L’ape nera

Questa razza di api è l’archetipo dell’ape da miele, ma dalla metà del 19° secolo è stata in gran parte sostituita da altre razze. Oggi l’ape nera è minacciata di estinzione. Poiché gli apicoltori si sforzano di ottenere rese di miele sempre più elevate, sempre più spesso hanno deciso di non scegliere questo insetto frugale, che si adatta alla vita in condizioni naturali impervie. In Austria ne sono rimaste solo 1.000 colonie, e l’ape nera è sulla lista rossa degli animali in via di estinzione.

9
La gallina della Sulmtal

La sua forte costituzione e il piccolo ciuffo di pelo del gallo o la cresta delle galline sono le caratteristiche di questa razza di galline robuste e molto resistenti. In passato si alimentava da sola nei boschi misti, nei prati, nei pascoli o nei frutteti. Dal 17° secolo in poi, queste galline si trovavano nel menu come capponi, e sono famose anche come galline ovaiole. Tuttavia, al più tardi dalla seconda guerra mondiale, la gallina della Sulmtal non si è quasi più vista nelle fattorie.

9
Il tacchino Cröllwitz

Questi tacchini bianchi, macchiati di un bel nero, erano già conosciuti intorno al 1550 nell’Europa centrale e orientale. Cercano il cibo per terra quando vanno al pascolo, sono molto semplici e hanno una carne gustosa e fine. Di diverse razze simili con queste caratteristiche, oggi rimane solo la Cröllwitz.

9
La mucca grigio alpina

Fino a qualche decennio fa, questi bovini dal colore che va dall’argento al grigio ferro esistevano solo in Tirolo. Nel frattempo, anche gli allevatori delle regioni vicine stanno lavorando per preservare questa antica razza. La loro elevata produzione di latte era già stata elogiata da Tacito e Plinio. È probabile che le popolazioni immigrate nella regione alpina dal Vicino Oriente abbiano portato il bestiame di piccola o media taglia e dalle corna corte nella zona dell’attuale Alto Adige intorno al 1000 a.C., come animali a duplice uso.

9
NOVITÀ: Gli Sprinzen della Val Pusteria

Sono evidenti le macchie nere o marrone chiaro, che occupano ampie aree sul tronco di questi bovini e formano macchie più piccole sul bordo – i cosiddetti “Sprinzen”. Questa razza è conosciuta anche come Pustertaler Schecken. È nata nel 19° secolo nella regione della Val Pusteria e nelle sue valli laterali dall’incrocio tra il bestiame svizzero Erringer e il bestiame della Pinzgau. Poiché la nuova razza è stata esclusa dalla selezione nel 1927, il numero di Sprinzen è molto piccolo. Il bestiame, che ha potuto essere allevato di nuovo dal 1984, è utilizzato principalmente per la produzione di carne.

9
La pecora Zackel

L’antica razza di pecore era denominata una volta solo come pecora Zackel Hortobágy, che è l’espressione delle sue radici ungheresi. Si trovano nella pianura pannonica del 9° secolo. Ma lì questa pecora con le tipiche corna tornite a forma di V non si trova quasi più. Dal 1903 in Ungheria è a rischio di estinzione. A partire dagli anni ’50, tuttavia, in altri paesi si è tentato di allevare di nuovo la razza.